Home
Zeus - 05/12 n.173 - La comunità attende il rientro di don Mario Stampa E-mail

E' ormai prossima la tumulazione di don Mario Torregrossa nella chiesa di San Carlo da Sezze ad Acilia, in risposta alle istanze di cittadini e fedeli molto legati all’ex parroco nonché fondatore del Centro di formazione giovanile Madonna di Loreto.

L’accordo tra le autorità civili ed ecclesiastiche è stato raggiunto proprio in questi giorni. Mancano soltanto gli ultimi visti da parte dell’unità sanitaria locale. Il sindaco di Roma ha garantito che tutte le procedure di competenza capitolina verranno completate. Ha inoltre autorizzato la dedicazione del parco di via Molajoli (zona Madonnetta) alla figura storica ed amatissima di don Mario, devastato fisicamente nel 1996 dall’aggressione di un piromane, ma rimasto lucido e saldo nello spirito di servizio verso i giovani ed i poveri, fino ai suoi ultimi giorni nel 2008.


Questo ‘ritorno a casa’ rappresenta un gesto significativo di gratitudine e ricordo da parte delle autorità competenti nei confronti del sacerdote che ha rappresentato un  punto di coesione e di incontro nel territorio del XIII Municipio di Roma”, ha dichiarato l’attuale parroco don Fabrizio Centofanti, nel ringraziare il Vicariato nella persona di Mons. Andreatta e l’ amministrazione civile per la disponibilità dimostrata nell’importante impegno preso pubblicamente.

In memoria di don Mario stiamo mantenendo vive le molteplici iniziative da lui intraprese, quale ad esempio il pranzo di Pasqua offerto lo scorso giovedì santo a circa 200 amici più bisognosi”, commentano all’unisono la comunità parrocchiale ed i ragazzi del Centro giovanile di via Macchia Saponara 106, dove è stato allestito il ‘banchetto del Re’, appuntamento ormai tradizionale servito dai giovani del Centro fin dalla prima volta nel 1982 secondo i criteri di fede, speranza e carità.

Come Centro giovanile - fanno eco gli animatori dello stessoavevamo già compiuto un piccolo atto d’amore verso il caro Domma che è stato la nostra guida per molti anni, intitolandogli il teatro presente nella struttura, che consente uno dei momenti formativi per i giovani e ricreativi per l’intero territorio”.

L’evento speciale tanto atteso del ritorno di don Mario sarà annunciato tempestivamente ed accompagnato con una celebrazione e momenti di ricordo per colui che rappresenta per molti una persona cara, un uomo di grande carità, nonché “un santo sacerdote”, parole queste usate dal Cardinal Vallini che ne ha officiato le esequie nel gennaio 2009.

 

(Articolo dell'animatrice del Centro, Margherita De Donato, premiato con una targa nella Sezione Giornalismo del Premio letterario "Il Telescopio" giunto alla XII edizione)