Home Volontariato Iniziativa 2004 per il Kenya: ancora una volta abbiamo fatto Centro! I
Iniziativa 2004 per il Kenya: ancora una volta abbiamo fatto Centro! I Stampa E-mail
Ringraziamo calorosamente tutti coloro che hanno contribuito a centrare l’obiettivo quaresimale: mandare un aiuto ai giovani missionari del Kenya, per la realizzazione della sala operatoria del Neema Hospital. Cominciamo col dire grazie ai bambini del catechismo: soltanto loro hanno donato 750 euro! Proseguiamo con il salvadanaio “Pippo” del Centro Giovanile che ha raccolto altri 1000 euro! Per finire con la partecipazione di tutta la comunità che è andata ben oltre le speranze nutrite dai missionari: la loro richiesta si fermava al costo dell’allestimento completo della sala operatoria (8700 euro), noi tutti insieme abbiamo raggiunto la cifra di €12.000 ! Domenica 25 aprile, durante la messa delle 11.30, Don Mario ha personalmente consegnato il ricavato della raccolta nelle mani di tre rappresentanti della World Friends Onlus, i quali hanno letto una lettera di ringraziamento inviata da Nairobi da Marcella Ferracciolo (Maci per quanti la conoscono fin da bambina al Centro) e da suo marito Gianfranco Morino, medico chirurgo in Africa dal 1986. La stessa lettera è stata letta nella celebrazione delle 19, ma per gli assenti, a seguire ne pubblichiamo il testo. (Nel numero di Mondo Nuovo distribuito ad Aprile 2003 troverete un’ampia testimonianza di Gianfranco sul problema sanitario africano e sulle baraccopoli.)


Nairobi, 24 aprile 2004

Cari Amici

E’ difficile comunicare attraverso una lettera, parole scritte su un foglio di carta, i sentimenti che in questo momento ci riempiono il cuore. Vorremmo davvero essere lì con voi, ora, per potervi parlare, stringere le mani, guardare negli occhi, per poter partecipare con voi alla Messa, spezzare il pane insieme....ci sarà modo di farlo, presto! A luglio rientreremo in Italia per le vacanze, e ci incontreremo. Vogliamo però cominciare a ringraziarvi di cuore per la vostra accoglienza e la vostra generosità:

Asante Sana, che in lingua swahili significa “grazie”. Grazie a tutti voi. Accogliendo la nostra richiesta avete accolto noi e tutte le persone per cui lavoriamo… i piccoli, i deboli, i malati, gli esclusi. Avete dato del vostro, dai più grandi ai più piccoli, accettando di aiutare, attraverso di noi, chi non ha voce, e diventando nostri compagni di viaggio. Il cammino, purtroppo, è spesso in salita, ed è fondamentale per noi sapere di poter contare sul vostro sostegno, materiale e spirituale!

In queste ultime settimane siamo stati particolarmente preoccupati per la situazione delle baraccopoli di Nairobi dove il governo ha intimato lo sgombero di centinaia di migliaia di persone e l’abbattimento delle baracche, senza garantire alcuna alternativa abitativa. Prima della Pasqua, le forze della società civile sono riuscite a far sospendere temporaneamente l’imposizione governativa. Come sempre ci troviamo di fronte all’ennesimo diritto negato: la casa. E poi la salute, l’acqua, l’educazione. Ma, insieme ai poveri, non dobbiamo perdere la speranza. E questa Pasqua ci ha portato davvero una speranza nuova, una nuova forza: la forza della vostra solidarietà e del vostro amore. Questi sono mesi decisivi perché il progetto del centro sanitario possa iniziare ed il nostro e vostro sogno realizzarsi: vi racconteremo ogni passo e condivideremo con voi ogni progresso, e’ una promessa!

Asante Sana e un abbraccio forte forte a tutti voi. Maci e Gian